Bologna, acceso il forno contadino

Bologna 1

 

Persino quelli dei social media possono capire la superiorità delle relazioni umane e scoprire il social food. Non è mai troppo tardi per convertirsi dal digitale alle mani in pasta. Riscattare la carne e le ossa dei propri corpi incurvati da sedia e tastiera, con farina, lievito e acquolina in bocca. Da infornare nella collina sopra Bologna, dove i ciocchi crepitano attorno alle pagnotte spandendo tutt'attorno un profumo che chi non sa non sa e non può immaginare fino a quando non prova.

Nella Serra dei 300 scalini, il Teatro dei Mignoli, un nome che fa venir voglia di tornare piccini, ha appena aperto il primo forno sociale bolognese. Come non ce ne sono più, ma c'erano una volta nei quartieri di città e nelle campagne. Farsi il pane in casa è oggi una moda. Ma un conto è nel forno elettrico della propria cucina, tutt'altro in un vero forno in muratura, non prefabbricato.

Prima di impastare il pane, quest'estate i Mignoli hanno impastato, con tutte e dieci le dita, sabbia, argilla e paglia per costruire, con le antiche tecniche, la calotta dove le braci cuoceranno il pane dopo ardente e ben temperata convivenza. «L'idea», spiega Mirco Alboresi, leader del gruppo, «è quello di resuscitare una tradizione e far rivivere un autentico rito sociale». Ci si presenta con il proprio impasto in forma di pagnotte, crescente o pizze e si estraggono così croccanti e fragranti che nessuno resiste alla tentazione di portarne alla bocca un pezzetto «intanto che è caldo».

Nell''attesa, si beve un goccio, si chiacchiera, massaie e massai si scambiano informazioni e astuzie culinarie. Il forno appassiona tanto gli uomini quanto le donne. E poi c'è da spaccare la legna, sbornisare, cioè rimestare le braci, e tenere sotto controllo temperatura e cottura.

«In futuro intensificheremo le infornate e organizzeremo incontri o workshop condotti da esperti, su farine, impasti, lieviti, cotture», aggiunge Alboresi.

Aperto il 19 dicembre 2015 dall’associazione di promozione culturale Il Teatro dei Mignoli, il forno si trova nella Serra dei 300 scalini, in via Casaglia 37, alla quale si arriva attraverso il parco di San Pellegrino o l'entrata delle scuola di Casaglia.

Le infornate si fanno l'ultimo sabato del mese. Per accedere al diritto di cottura basta versare un piccolo contributo, portare un po' di legna o una bottiglia di vino, ma soprattutto giovialità e spirito di collaborazione.

Info: teatrodeimignoli@alice.it

 
Qualche foto

Previous Image
Next Image

info heading

info content

Nessun commento ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi