California, è risorta la Valle della Morte

La Valle della Morte è risorta 0

 

 

Se vi immaginate la Death valley come l’avete vista in Zabriskie Point, cioè uno sconfinato desolato deserto fatto di rocce, polvere e sabbia in cui biancheggiano crani di vacche che si erano smarrite, beh è ora che rivediate il vostro immaginario. Almeno per quest’anno. Da qualche settimana la Valle della Morte è tutta un fiore. È come se si fosse cambiata le lenzuola in cui ha dormito negli ultimi dieci anni. I giornali americani, che misurano tutto con il metro del baseball e del football, hanno scomodato il superbowl per definire l’evento una supebloom, una super-fioritura.

L’ombelico della Valle si trova a 58 metri sotto il livello del mare e si chiama eloquentemente Furnace Creek perché è un forno che cuoce i suoi abitanti a fuoco lento: erano 31 nel 2000 sono diventati 24 nel 2010. Sul censimento del 2020 nessuno fa scommesse per non scottarsi. Tanto per dire l’ambientino.

 

 

Il video girato dalle autorità del Death Valley National Park

«Sono sbocciati fiori selvatici di oltre venti specie», ha precisato il New York Times. La causa? Banale, meteorologica: un aumento delle piogge. Dove di norma non cadevano più di cinque centimetri d’acqua l’anno, stavolta ne son venuti giù otto. Le pianticelle hanno iniziato a spuntare in novembre e in febbraio sono esplose. Era dal 2005 che non si verificava un fenomeno di tale ampiezza.

«Le super-fioriture avvengono in media ogni dieci anni, durano parecchie settimane e diventano ogni giorno sempre più belle», spiega un ranger del parco. Il video realizzato dalle autorità del Death Valley National Park accredita le sue parole. Ma avevamo già creduto alle foto. Guardate un po’ qui.

 
La super-fioritura in 24 scatti

Previous Image
Next Image

info heading

info content

Nessun commento ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi