Cecilia Bartoli, viaggiatrice lenta

Cecilia Bartoli

 

 

Si può essere una stella internazionale della lirica rifiutandosi di salire sugli aerei? Esistono ancora smaglianti tournée di artisti che si affidano solo ai treni e alle navi? Certo che sì, secondo Cecilia Bartoli, diva applaudita ovunque nel pianeta: «In quest'epoca iper-tecnologica e frenetica bisogna andare contro la corrente, recuperando il tempo di godersi il viaggio», sostiene accorata e ridente la cantante che sono in molti a considerare il massimo mezzosoprano del mondo.

 

 

Cecicilia Bartoli in scena

 

 

«Abbiamo finito per dimenticare la meravigliosa percezione progressiva degli spostamenti nello spazio, mentre invece è così bello adattarsi a ritmi consoni alla nostra salute fisica e psicologica. Basta organizzare le trasferte con giudizio». E se il concetto non fosse abbastanza chiaro, Cecilia segnala di odiare l'aereo, «dove ti dicono sempre quel che devi fare: ora mangia, ora dormi, ora mettiti seduto. Se riesci ad assopirti ti svegliano, e può capitarti accanto un vicino antipatico o noioso. Oppure stai per ore incastrato fra due posti senza poterti alzare». Per evitare tante sofferenze, l'impavida Cecilia va sempre negli Stati Uniti sulle navi, «e quest'idea in origine mi venne perché volevo rifare il viaggio che portava gli emigranti italiani nelle Americhe. Ho parenti in Argentina, e nell'infanzia mia nonna mi raccontava le loro traversate, che in passato erano necessarie anche per le troupe di europei accolte nei teatri americani».

Bartoli decise di ripercorrere il tragitto: «Presi il transatlantico Queen Elizabeth in Inghilterra, a Southampton, e approdai a New York dopo una settimana che si rivelò straordinaria. È emozionante staccarsi via via dalla costa ed essere circondati dall'immensità del mare, dov'è speciale il profumo dell'aria. Le giornate scorrono tra passeggiate sui ponti e miracoli quali l'aurora boreale, con le sue impressionanti linee fluorescenti».

 

 

La statua della Libertà vista dal mare.

 

 

Cecilia ha compiuto il viaggio intercontinentale numerose volte: «Ho anche scelto differenti direzioni, per esempio arrivando in America dal grande nord, lungo la rotta che dall'Islanda conduce in Canada».

Spesso, riferisce ancora Cecilia, gli incontri umani sulla nave sono notevoli e inconsueti: «Mi è accaduto di viaggiare con un gruppo di italo-americani intenzionati a provare le stesse sensazioni vissute dai loro avi, quando avvicinandosi a New York all'alba si spalancava davanti a loro l'immagine della Statua della Libertà. Alle cinque di mattina tutti si sono messi a piangere di commozione, identificandosi coi trascorsi dei nonni».
Per un cantante lirico muoversi in nave implica un vantaggio in più: «Quando sbarchi in aeroporto col tempo del volo sulle spalle ti senti morto perché il corpo non si è abituato al nuovo orario», spiega Cecilia. «Ma in nave non succede: il cambiamento dell'ora è graduale. Così, mentre i miei colleghi sono distrutti e devono recuperare le forze, io sono subito fresca come una rosa e pronta a provare sulla scena del Metropolitan di New York. Credo che la mancanza di stress da fuso orario sia il motivo per cui le voci e le carriere di una volta reggevano tanto più a lungo».

 

 

Cecilia Bartoli a San Pietroburgo

 

 

Di viaggi felici Cecilia ne ha sperimentati vari pure in treno, «traversando l'America e l'Europa e scoprendo paesaggi non vedibili dall'aereo. Sono andata a San Pietroburgo raggiungendo con un treno dalla Svizzera la città tedesca di Lubecca, da dove un rompighiaccio mi ha depositato a destinazione in tre giorni». Alle opere musicali create presso la corte di San Pietroburgo dai compositori ingaggiati dagli zar, tutti musicisti italiani che nel Settecento contribuirono a renderla una gloriosa capitale artistica, Cecilia, sempre a caccia di preziosi repertori per i propri dischi, dedicherà il suo prossimo cd. (dall’articolo di Leonetta Bentivoglio pubblicato da Repubblica il 19 marzo 2016; per leggere l’intero testo, clicca qui)

 

 

San Pietroburgo

 

 

Nessun commento ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi