Egitto, ma che barba questo Tutankhamon

Il restauro della barba di Tutankhamon

 

Nell’agosto 2014, durante lavori all’impianto di illuminazione al museo del Cairo, si è staccata la barba alla maschera funeraria di Tutankhamon. Alcuni dipendenti, improvvisatisi restauratori, hanno cercato di metterci una pezza riattaccandola con una colla epossidica. Il maldestro tentativo ha però provocato una bolla rivelando la magagna ai visitatori più attenti. Perciò il restauro della barba simbolica del faraone bambino, la cui mummia è vecchia di 3.300 anni, è stata affidato a chi sa il fatto suo. Cioè a un tedesco. «Il restauro dovrebbe terminare nel giro di due mesi e comunque entro la fine dell’anno ha annunciato Christian Eckmann, specialista nella conservazione di beni archeologici e responsabile del progetto.

«Non abbiamo ancora staccato la barba», ha precisato Eckmann. La sua squadra sta infatti passando al setaccio e ripulendo la maschera, d’oro massiccio con incrostazioni di lapislazzuli e pietre semi-preziose.

 
La maschera di Tutankhamon, a sinistra particolare della barba appiccicata con la colla

 

 

La barba sarà staccata e riattaccata dopo la rimozione dei resti di colla. Tutto il lavoro sarà effettuato con sottili bacchette di legno. «Ne approfitteremo anche per studiare in maniera approfondita i materiali usati nella fabbricazione della maschera», ha spiegato lo specialista tedesco. Ha poi aggiunto che la barba era fissata al mento con un anello d’oro». ma non ha specificato se l’anello sia ancora in possesso del museo. Lo scorso gennaio, aveva dichiarato che «la maschera non era in pericolo» e che i danni erano «reversibili».

Scoperto nel 1922 dall’archeologo britannico Howard Carter a Luxor, nella Valle dei Re, il tesoro di Tutankhamon rappresenta la più prestigiosa collezione del museo del Cairo. Oltre alla maschera funeraria, conta quattro grandi catafalchi in legno dorato, tutti i gioielli del sovrano della XVIII dinastia, tre grandi letti da sfilata e due dei tre sarcofagi del faraone, tra cui uno in oro massiccio scolpito.

 
La barba di Tutankhamon (particolare)

 

 

Morto a 19 anni, nel 1324 avanti Cristo, dopo un regno durato solo nove anni, Tutankhamen è divenuto uno dei più celebri faraoni egizi proprio grazie al suo tesoro funerario, il più favoloso mai scoperto in Egitto. A differenza delle tombe di altri faraoni che sono state generalmente saccheggiate nel corso dei millenni, il suo mausoleo non era mai stato violato. E lì sono stati scoperti più di cinquemila oggetti intatti, una buona parte dei quali in oro massiccio.

 

Nessun commento ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi