Frontiere, le più insolite del mondo

Tra Paesi Bassi e Belgio
 

Schengen sì, Schengen no. Da un po' di tempo la cittadina lussemburghese sulla Mosella al confine con Francia e Germania, non è più il simbolo delle frontiere aperte ma un trattato che rischia di diventare carta straccia. La paura dell'invasione erige nuove barriere e ripristina i controlli di confine.

Il sogno dell'Europa unita rischia grosso. Con i mattoni del muro di Berlino si stanno costruendo altri muri, in varie parti del Vecchio Continente. È finita l'effimera euforia embrassons-nous degli anni Novanta. Che si sia andati troppo di fretta? Staremo a vedere che piega prenderanno le cose nei mesi e negli anni a venire.

Per capire come gira altrove, ci siamo guardati attorno. Dentro e fuori l’Europa. Con e senza Schengen. Abbiamo trovato Paesi dove il confine è così labile da sembrare invisibile e altri in cui gli ostacoli sono invalicabili. Ne è venuta fuori una galleria di situazioni che vanno dallo strano ma vero al così è se vi pare e nulla ci si può fare. Per esempio, non si può scavare un tunnel sotto l'Everest per mettere in comunicazione la Cina con il Nepal, così come si è fatto il traforo del Monte Bianco per collegare l'Italia alla Francia. Mentre ci sono luoghi dove basta spostarsi da un tavolo all'altro di un bar per ritrovarsi in un altro Paese. Seguiteci e ne vedrete delle belle. Di frontiere.

 

 

Fotogalleria

Previous Image
Next Image

info heading

info content

Nessun commento ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi