Le api valgono 143 miliardi di euro, tre volte di più della General Motors

Un'ape mentre succhia polline da un girasole.
 

 

Alla vigilia di Cop21, la rete Bbc Earth si è chiesta quanto valga la natura. La domanda non è peregrina. Poiché solo le cifre sonanti e contanti sembrano avere importanza nella nostra società, perché non calcolare il contributo finanziario degli ecosistemi: piante, animali, biodiversità?

Pur riconoscendo che la natura ha un valore intrinseco che non può essere ridotto al suo valore monetario, la buona vecchia istituzione britannica ha avuto originale di creare un Earth Index (Indice della Terra) affinché gli investitori (eufemismo, ndr) si accorgano dell'esistenza di questa inestimabile risorsa.

Per Neil Nightingale, direttore creativo di Bbc Earth (il suo cognome vuol dire «usignolo»), era in effetti importante compiere questo passo per rimettere la natura al centro del dibattito economico e apprezzare meglio l'impatto a lungo termine delle variazioni di questo capitale naturale.

«Queste cifre scritte nero su bianco», spiega Nightingale, «riecheggiano i fatturati delle maggiori aziende mondiali, Apple, General Motors, Nestlé o Bank of China. Che sono irrisori se paragonati all'apporto finanziario dei benefici della natura all'economia mondiale».

Per creare questo indice un po' speciale, bbc Earth ha lavorato con lo specialista dell'ambiente Tony Juniper e il Centro di controllo per la tutela del pianeta della, un programma ambientalistico delle nazioni Unite.

«Abbiamo inventariato tutte le cifre e gli studi disponibili per poter trovare delle cifre comparabili ai listini delle società quotate in borsa e abbiamo deciso di scegliere il valore economico creato annualmente», spiega Juniper.

Un lavoro del genere, pubblicato dalla rivista Nature nel 1997 , arrivava già allora alla conclusione che il valore totale della biosfera era di 33 trilioni (miliardi di miliardi) di dollari, ossia il doppio del prodotto mondiale lordo dell'epoca.

Per i loro autori, il servizio reso dagli ecosistemi e il capitale naturale che li produce sono indispensabili al funzionamento dei sistemi che tengono in vita la Terra. In effetti contribuiscono direttamente e indirettamente al benessere dell'umanità.

Ecco, a mo' di esempio, alcuni brani scelti dell’Earth Index.

 

 

La barriera corallina della Nuova Caledonia.
 

 
# Barriere coralline: 8,2 trilioni d'euro

Rappresentano una protezione vitale contro le tempeste e permettono lo sviluppo dell'importante industria del turismo. Inoltre, catturano e immagazzinano il carbonio e servono da nursery ai piccoli di numerose specie di pesci.

 

Un'ape mentre succhia polline da un girasole.
 

 
# Api: 143,3 miliardi di euro
In tutto il mondo le api sono vitali per l'impollinazione dei raccolti. In California, produttrice dell'80 per cento delle mandorle del pianeta, i coltivatori devono prendere in affitto alveari che talvolta devono far arrivare da lontano, in aereo. E lo stesso fanno i contadini cinesi della contea di Maoxian, nel Sechuan, che negli anni Ottanta hanno perduto le loro api.

 

 

Avvoltoi nella regione di Magaliesburg, Sudafrica
 

 
# Avvoltoi: 2,16 miliardi di euro
In India, il loro brutale declino ha messo in luce il servizio essenziale che svolgevano ripulendo e facendo sparire le carcasse degli animali. Se non sono eliminate, le carogne in putrefazione al sole, rappresentano un grave rischio sanitario per le popolazioni locali.

 

 

Castori nel Nordamerica.
 

 
# Castori : 675 milioni di euro
Grazie alle dighe che contribuiscono a costruire, ogni castoro varrebbe 108.500 euro. Queste infrastrutture naturali riducono i rischi d'inondazione, aumentano le capacità di stoccaggio dell'acqua e ne migliorano la purezza.

Dominique Nora, Le Nouvel Observateur, 15 ottobre 2015

Nessun commento ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi