Strange worlds, strani mondi a Modena

George Osodi, Ogoni boy, 2007, dalla serie Oil rich Niger delta.
 

 

Sono ventisei tra artisti e fotografi, vengono dai quattro angoli del globo. Al Foro Boario di Modena, dal 9 luglio al 6 settembre, esporranno una settantina delle loro opere: foto, video e installazioni riunite nella mostra Strange Worlds. Le più drammatiche, sempre cariche di pathos, sottilmente inquietanti, sono perlopiù le immagini.

Sia che si tratti di soldati palestinesi arruolati nell'esercito d'Israele come di cani sudafricani inselvatichiti, di vedove di minatori boliviani come di ballerini improvvisati, di Ma Liuming che cammina sulla Grande Muraglia sfidando le tetragone autorità cinesi, ogni scatto s'imprime negli occhi di chi lo guarda per non staccarsi più.

La natura violentata dall'uomo è il tema predominante. Lo sguardo del ragazzino africano che osserva preoccupato la colonna di fumo nero alzarsi da un pozzo di petrolio in fiamme sembra chiederci se questo mondo non sia più pazzo che strano. Ci verrebbe da rispondergli: affermativo, ragazzo.

Info
Le foto appartengono alle collezioni permanenti della Fondazione Cassa di risparmio di Modena che, a iniziare dal 2007, ha acquisito circa 1.200 opere provenienti da diversi Paesi.

La mostra è organizzata da Fondazione Fotografia in collaborazione con il Comune di Modena e in partnership con UniCredit.

Dove
Foro Boario,
via Bono da Nonantola 2, Modena

Quando
Dal 9 luglio al 6 settembre 2015. Inaugurazione
 il 9 luglio alle 18. Apertura: giovedì e venerdì 16-19, sabato e domenica 11-19

Ingresso libero

 

Una selezione delle opere esposte (galleria)

Previous Image
Next Image

info heading

info content

Nessun commento ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi