Tibet, una piccola foglia per un grande mistero

Berberis vulgaris

 

 

Una foglia fossile di Crispino (Berberis vulgaris), trovata sull’altopiano tibetano, a oltre 4 600 metri di altitudine, ha messo in agitazione la comunità scientifica.

Questa specie, vecchia di 17 milioni di anni e tuttora prospera in Tibet, vive normalmente a quote comprese tra 900 e 2 500 metri, fa notare il sito del South China Morning Post, cioè molto più in basso del luogo dove il fossile è stato scoperto.

«Anche ammettendo che il clima fosse allora molto più caldo, il che avrebbe permesso alla pianta di vivere ad altitudini più elevate, i cercatori pensano che l’altopiano dovesse essere da 2 000 a 3 000 metri quando la pianta trovata era ancora viva», spiega il sito cinese in lingua inglese.

Questa scoperta rimette in discussione anche le ipotesi sulla cronologia della formazione geologica dell’altopiano, una questione aspramente dibattuta. I risultati di questa nuova ricerca, pubblicati in Scientific Reports (Nature), «contraddicono l’ipotesi secondo la quale il nord del Tibet avrebbe raggiunto o superato la sua altitudine attuale prima del Miocene» (23 milioni di anni fa), scrivono gli autori, secondo i quali la ricostruzione della storia di questo innalzamento è «cruciale per capire i meccanismi che collegano l’altitudine e il clima indipendentemente dall’epoca e dal luogo». A loro avviso, l’altopiano si sarebbe innalzato più rapidamente di quanto si è finora pensato.

«È opinione comune che l’altopiano tibetano abbia cessato di innalzarsi a partire da un certo momento, ma quando sia avvenuto è oggetto di dibattito», spiega Wang Jiangang al South China Morning Post. Cercatore all’Istituto cinese di geologia e geofisica, Wang Jiangang, che non ha però partecipato allo studio, sostiene che questo fossile «fornisce un punto di vista interessante per esaminare la questione, ma il metodo ha i suoi limiti, come il possibile trasporto naturale della pianta prima del suo interramento». In altre parole, spesso le foglie vanno dove le porta il vento.

 

 

Nessun commento ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi