Nepal, non è mai troppo tardi

Durga Kami in posa davanti alla sua casa

 

 

Il più anziano studente nepalese ha 68 anni. Si chiama Durga Kami, è padre di sei figli e nonno di nove nipoti. È tornato sui banchi di scuola, cui aveva dovuto rinunciare all'età di 11 anni per dare una mano in famiglia famiglia. Troppo povero per continuare gli studi. È tuttora indigente perché è un dalit, un intoccabile o paria, appartiene cioè al ceto sociale più basso nel sistema induista delle caste, e di conseguenza è isolato dal resto della comunità.

 

 

Durga Kami si prepara per andare a scuola

 

 

Una borsa scolastica gli ha permesso però di pagarsi l'iscrizione e l'uniforme scolastica. Di suo ci mette la buona volontà. E poi ha tempo. E dentro quel tempo non voleva che a fargli compagnia fosse la solitudine, che gli fa la posta da quando non c'è più sua moglie. Perciò ha ripreso a studiare. Frequenta la Shree Kala Bhairab Higher Secondary School a Syangja, paese incassato tra le montagne dell'Himalaya, a 250 chilometri da Katmandu, la capitale. Il nome è altisonante ma è la scuola dei dalit, frequentata da circa 200 allievi. Per compagni di classe ha adolescenti di 14 anni che lo chiamano baa, «papà» in lingua nepalese. «Vado a scuola per sfuggire alla mia tristezza», confessa Durga Kami. Dice di voler studiare fino alla morte e spera che il suo esempio invogli altri non più giovanissimi a imitarlo.

 

 

Durga Kami con alcuni compagni di classe

 

 

Durga Kami vive a Phedi Khola, in una misera casa composta da una sola stanza. Dopo la toeletta all'aperto, si prepara la colazione a base di riso e verdure. Non metterà nient'altro sotto i denti fino all'ora di cena. Ma anche in quel caso non si tratterà di un banchetto. Poi lo scolaro attempato indossa l'uniforme, si fa il nodo alla cravatta regimental in stile college inglese e si mette in cammino. Magari gli si affianca qualche compagno di classe e fanno un tratto di strada insieme. Spesso li lascia andare avanti. Di tanto in tanto ha bisogno di sedersi per lasciar riposare le sue magre gambe.

 

 

L'amore per lo studio ha sempre accompagnato Durga Kami

 

 

È stato un insegnante della scuola, D.R. Koirala, che, dopo aver udito la sua storia e saputo del suo sogno svanito, ha invitato Durga Kami a frequentare i suoi corsi: «Questa è la mia prima esperienza di insegnamento a un uomo che ha l’età di mio padre». Kami sa che è tardi per realizzare il suo sogno di insegnare, ma ha scoperto che la passione per gli studi è di per sé una ragione sufficiente per studiare. E ha capito che l’età non deve essere un ostacolo: «Basta essere motivati. Se vedessi un uomo con la barba bianca come me tra i banchi, saprei che in lui qualcosa c'è qualcosa di molto forte che lo ha spinto, proprio come è successo a me».

 

 
Una giornata nella vita di Durga Kami (fotogalleria)

Previous Image
Next Image

info heading

info content

Nessun commento ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi