Paesi Bassi, Hotel de Bilderberg e ti senti padrone del mondo

apertura

 

 

Con quella sua struttura bassa e allungata ha più l’aria del motel che dell’hotel di lusso. Ma nella più sfrenata fantasia popolare è la caverna dei quaranta ladroni dove Alì Babà non è mai riuscito a mettere piede per riappropriarsi del maltolto. Neppure da quando vi sono ammessi i giornalisti, tra cui le nostre Monica Maggioni e Lilli Gruber. Lega loro le mani il voto del silenzio su tutto ciò che vedono e ascoltano. Embedded obblige.

È qui, nell’Hotel de Bilderberg, nella cittadina olandese di Oosterbeek, vicina ad Arnhem, che si riunirono per la prima volta, tra il 29 e il 31 maggio 1954, i guardiani del tesoro, i custodi della ricchezze globale, banchieri, industriali, politici, e aristocratici. I padroni del mondo, una settantina in tutto.

A convocarli fu Bernhard zur Lippe-Biesterfeld, principe consorte della regina Juliana dei Paesi Bassi, già ufficiale nella cavalleria delle SS fino al suo matrimonio nel 1937. Questo il testo sibillino del suo garbato invito. «Apprezzerei sinceramente la vostra presenza alla conferenza internazionale, senza carattere ufficiale, che si terrà in Olanda a fine maggio. Questa conferenza vuole esplorare una serie di questioni di grande importanza per la civiltà occidentale, e si propone di stimolare la comprensione reciproca e la buona volontà attraverso un libero scambio di opinioni». Tra gli invitati, il capo della Cia Walter Bedell Smith. Dal che si deduce che «la civiltà occidentale» era preoccupata soprattutto dal pericolo comunista. La guerra fredda richiedeva il rafforzamento della Nato. Se il principe consorte fu il paravento, il regista della chiacchierata «non ufficiale» fu il finanziere David Rockfeller, cui si deve l’idea dell’iniziativa.

Il nome dell’albergo dei pionieri ha finito per definire l'esclusivo club. Gruppo Bilderberg è il marchio dei potenti della Terra che si ritrovano una volta l’anno, in un Paese sempre diverso, sempre in alberghi di lusso, sempre a porte chiuse.

Nell’Hotel de Bilderberg, gli amanti della storia potranno calcare le orme dei padri fondatori del club, mentre gli appassionati di mobili vintage ne apprezzeranno gli arredi anni Cinquanta e quella sua aria da Ikea haut de gamme.

Alloggiare all’Hotel de Bilderberg è meno costoso di quel che si può credere. Per saperne di più, clicca qui

 

 
Fotogalleria

Previous Image
Next Image

info heading

info content

Nessun commento ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi