New York, l’ultimo scatto di Bill Cunningham

Bill Cunningham con la sua inseparabile bici

 

 

Aveva la sveltezza e il colpo d'occhio del fotoreporter di guerra. La sua uniforme ben poco mimetica era una casacca blu visibile in lontananza. Si spostava in bici. I suoi campi di battaglia sono stati i canyon di New York. È morto sabato 25 giugno, a 87 anni.

Si chiamava Bill Cunningham ed è stato il massimo esponente dello street style, che si può scrivere anche streetstyle: le foto di moda prese al volo, per strada, a personaggi famosi come a semplici passanti. Poiché l'eccentricità, l'eleganza, lo stile possono essere di tutti. Il suo sguardo valutava rapidamente la mise, le scarpe, un dettaglio e, se il bersaglio meritava, sparava. In inglese, si dice to shoot sia per sparare sia per fotografare.

 

 

Bill Cunningham in azione

 

 

Colpiva nel segno sorridendo. Il sorriso e lo spirito indipendente erano le armi del suo blasone. «Se ne prendete i loro soldi non possono dirvi che cosa dovete fare», era la sua divisa preferita. Professionale ed esistenziale. Alle serate mondane dove s'imbucava per sparare a raffica, non accettava neppure un bicchier d'acqua. Abitava in un piccolo appartamento del Carnegie Hall, conduceva una vita pressoché monastica.

Nato nel 1929 a Boston, Bill Cunningham aveva cominciato a lavorare nella pubblicità, per diventare poi creatore di cappelli. La sua carriera di fotografo di moda decolla negli anni Sessanta, nelle strade di New York. La sua vita cambia nel 1978, quando propone al New York Times una serie di foto di Greta Garbo scattate in una via di Manhattan. Il giornale gli affida una rubrica, On The Street, che alimenterà per circa quarant'anni con foto di celebrità e di sconosciuti.

 

 

Un sorriso per tutti. Bill Cunningham in una foto di Jiyang Chen

 

 

Sempre in bici, Bill diventa un'icona semovente di Manhattan. Soprattutto della Fifth Avenue, la passerella numero uno. Se nel suo campo visivo entra un soggetto interessante frena bruscamente, senza curarsi troppo dei Suv che possono tirarlo sotto. È minuscolo per gli automobilisti, ma grande per i pedoni. Tutti si voltano, molti riconoscono e sorridono a quella celebrità da marciapiede. Si lasciano fotografare volentieri. È un onore essere inquadrati dalla sua Nikon. Preferisce fotografare che essere fotografato, ma è accondiscendete con chiunque gli punti addosso anche un semplice smartphone.

 

 

Uno degli ultimi ritratti di Bill Cunningham

 

 

«Il denaro è quel che c'è di meno caro, la libertà è molto più preziosa», amava dire. Con la sua filosofia e la sua condotta di vita semplice è riuscito a far amare la moda anche a chi di solito non se ne occupa. È stato il suo modo originale di farci conoscere il mondo. Per questo lo salutiamo con affettuosa riconoscenza.

 

 

Bill Cunningham in azione nelle strade di New York (video)

Nessun commento ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi