Svezia, una notte d’estate a Stoccolma

Skyline notturno di Stoccolma, sullo sfondo il Globen, Foto di Soren Andersson

 

 

Un uomo e una donna, su un'isoletta nella remota regione del Finnmark (Norvegia). Accanto ai due arde un fuoco. Lei gli chiede di raccontarle qualcosa.

- Cosa?
- Quello che vuoi.
- Fammici pensare un momento.
Rimanemmo distesi in silenzio. Ascoltai il crepitio del falò e l'acqua che accarezzava con cautela e delicatezza i ciottoli.
- Una notte d'estate a Stoccolma, -. Tutto è verde. Tutti dormono. Cammino lentamente verso casa insieme a Monica. Ci fermiamo e ci baciamo. Ci rincamminiamo. Poi sentiamo delle risate provenienti da una finestra aperta. La brezza dell'arcipelago porta con sé un odore di erba e di alghe-. Canticchiai tra me e me. E la brezza ci sfiora le guance, la traggo a me e la notte non esiste più, non è che un silenzio, un'ombra, un vento.
- Bellissimo, - sussurrò lei. - Continua.
- La notte è breve e chiara, e scivola via non appena ai svegliano i tordi. Un uomo smette di vogare per guardare un cigno. E mentre attraversiamo il ponte di Västerbron un tram solitario e vuoto ci supera. E là, nel cuore della notte e in gran segreto, gli alberi di Stoccolma sbocciano mentre tutte le finestre tingono di luce la città. E la città suona una melodia per tutti quelli che dormono, per tutti quelli che stanno per mettersi in viaggio e andare lontano, ma che poi torneranno comunque a Stoccolma. Adesso le strade profumano di fiori, e noi che ci siamo appena baciati per la prima volta camminiamo piano piano verso casa attraverso la città.
Ascoltai. Le onde. Il falò. Un garrito di gabbiano in lontananza.
- Monica è òa tua fidanzata?
- Sì, - risposi. -È la mia fidanzata.
- Ah. Da quanto state insieme?
- Vediamo. Dieci anni, mi pare.
- È parecchio tempo.
- Sì, però stiamo insieme solo per tre minuti alla volta.
- Come, per tre minuti?
- Tre minuti e diciannove secondi, per la precisione. È il tempo che impiega a cantare la canzone.
La sentii tirasi su a sedere. - La storia che mi hai raccontato è una canzone?
- Sakta vi gå genom stan, - risposi. - «Piano piano attraversiamo la città». Monica Zetterlund. (Jo Nesbø, Sole di mezzanotte, Einaudi)

 

 

Nessun commento ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi