Hyperloop, il treno che farà 1.200 km all’ora

Il supertreno di Hyperloop transportation technologies

 

 

Come si viaggia sparati da un proiettile? Lo sapremo nel 2018, quando sarà pronto un bolide che per abitudine continuiamo a chiamare treno ma filerà poco meno che alla velocità del suono. L'incredibile della faccenda è che sarà spinto dall'energia solare.

Ci si imbarcherà, ogni trenta secondi, in capsule che ospiteranno una trentina di passeggeri e scivoleranno senza attrito, all'interno di un tubo a bassa pressione. Un treno del futuro in corso d'opera, che viaggerà un pelo al disotto di Mach 1, che è la velocità del suono.

 

 

Ecco come sarà la capsula Htt

 

 

È il folle obiettivo della società californiana Hyperloop transportation technologies, che ha annunciato la costruzione del primo tronco operativo, che per abitudine chiameremo binario, nella Central Valley della California. All'inizio del 2016. La road map prevede la conclusione del lavori nel 2017 e il debutto nel 2018. Questo, perlomeno, è quanto ha dichiarato Dirk Ahlborn, presidente direttore generale di Htt.

In realtà il progetto è meno pazzesco di quel che sembra. Tant'è che un'altra società di Los Angeles, la Hyperloop technologies, che persegue il medesimo obiettivo, il mese scorso ha postato su Twitter una foto dell'interno del suo primo «ipertubo».

Com'è scaturita questa improvvisa hyperloopmania?

L'idea del treno quasi supersonico non se la sarebbe filata nessuno se non fosse uscita dalla testa di Elon Musk. Il visionario imprenditore di origine sudafricana, che non smette di fare avanti e indietro tra SpaceX, la sua società di razzi spaziali low cost, con sede a Los Angeles, e il suo costruttore di auto elettriche Tesla, nella Silicon Valley, e a tempo perso si dedica allo studio del mezzo di trasporto dei suoi sogni.

 

 

Elon Musk

 

 

Deluso dal progetto ufficiale del treno ad alta velocità tra San Francisco e Los Angeles, che giudica superato, Elon Musk lancia per la prima volta l'idea d’Hyperloop a fine maggio del 2013. È lui stesso a descrivere il «quinto mezzo di trasporto», dopo l'auto, il treno, la nave e l'aereo, come un incrocio tra il Concorde, un cannone elettromagnetico e una tavola da hockey pneumatica.

Due mesi più tardi, mette in rete una relazione tecnica di 58 pagine, che illustra il suo sconvolgente progetto di collegare San Francisco a Los Angeles, distanti 610 chilometri, in 35 minuti. Il documento afferma: «Hyperloop trasporterebbe 7,4 milioni di persone all'anno, ammortizzando i costi di 6 miliardi di dollari in vent'anni. Il biglietto di andata e ritorno costerebbe al passeggero 20 dollari».

 

 

Hyperloop technologies

 

 

Elon Musk non ha tuttavia intenzione di sfruttare lui stesso la sua idea. Tra la direzione di Tesla e di SpaceX e l'appoggio all'installatore dei pannelli solari Solar-City dei suoi cugini, non gli resta tempo. E poi ha cinque figli. Ma questo insaziabile coltivatore di tecnologie, che sogna di colonizzare Marte, vuole allo stesso tempo contribuire ad accelerare lo sviluppo di un prototipo Hyperloop operativo.

SpaceX ha perciò lanciato un grande concorso di design per il treno del futuro e conta di offrire i contributi in «open source» alla collettività. Il 15 agosto l'iniziativa aveva già ricevuto più di 1.200 candidature. L'iscrizione si è chiusa oggi, 15 settembre 2015, e il concorso si svolgerà a tappe. I prototipi a grandezza naturale dei migliori progetti saranno testati nel giugno 2016 su una pista lunga un miglio costruita a Hawthorne, a sud di Los Angeles, vicino alla sede di SpaceX.

Nessun commento ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi