Partire, ma senza il visto

Dall'Europa al Sud America, dall'Africa all'Asia viaggiare nel momento giusto fa risparmiare fino al 55%. E secondo l'Osservatorio Trivago sono quasi 100 i paesi nei quali poter viaggiare senza il pensiero del visto o, in alcuni casi, del passaporto. Mete per tutti i gusti e tutti i budget, da raggiungere in poche ore di macchina o con voli intercontinentali. In alcuni casi si tratta di singoli mesi, per altri il periodo di "bassa stagione" è prolungato.
AFRICA - A Mauritius, il periodo economicamente più conveniente è giugno quando si spendono in media 172 euro a camera a notte, ben 44% in meno rispetto al mese più caro che è gennaio (307 euro in media). In Tunisia i periodi meno cari sono febbraio, ottobre e dicembre con una media di 89 euro in camera doppia, -36% rispetto al mese più caldo di agosto. Per l'Egitto si parte più "leggeri" a febbraio (73 euro) rispetto ad ottobre (113 euro) mentre in Sud Africa conviene andare a luglio (101 euro) piuttosto che dicembre (138 euro).
AMERICA CENTRALE - Nei paesi come Guatemala, Nicaragua, Panama, El Salvador e Costa Rica invece, il periodo meno costoso è agosto, mentre quello più caro varia da gennaio a giugno con un'eccezione per il Guatemala che risulta più caro del 18% a dicembre.
ASIA - In Corea del Sud i listini hotel più bassi si estendono da febbraio ad aprile, quando si può dormire a una media di 87 euro a notte, per poi raggiungere il picco di 105 euro a ottobre. La Thailandia e Hong Kong invece si mantengono bassi a giugno, rispettivamente con prezzi media di 62 euro e 119 euro, mentre la Malesia conviene a luglio (32 euro a persona a notte).
SUD AMERICA - Per viaggiare in questa parte del mondo basta portarsi dietro il passaporto, il visto consolare non è infatti necessario nella maggior parte dei paesi tra cui la Colombia, dove si può dormire a 45 euro a persona da aprile a luglio, anche se il periodo più economico per 6 nazioni su 10 è agosto.
CARAIBI - Questa parte del mondo è piena di isole paradisiache, molto quotate per le lune di miele o fughe romantiche. Tra le più famose le Barbados che offrono un risparmio del 42% se si sceglie di visitarle a settembre (167 euro) rispetto a marzo (287 euro), periodi che valgono anche per le Bahamas (170 euro contro 217 euro).
Gli Stati Uniti che richiedono soltanto l'Esta (Sistema elettronico per l'autorizzazione al viaggio) e dove il prezzo degli hotel varia dai 120 euro di gennaio ai 145 euro di ottobre e dicembre, o l'Oceania con la Nuova Zelanda economica a giugno-luglio e più cara a febbraio e novembre.
Sicuramente l'area più "tranquilla" dal punto di vista burocratico è l'Europa dove per viaggiare basta la carta d'identità e in qualche ora di macchina, treno o aereo si arriva un po' ovunque. Qui i prezzi sono molto variabili e arrivano anche a differenze del 55% come nel caso della Grecia che spazia dai 71 euro di febbraio ai 158 euro di agosto, il picco della stagione turistica, molto simile a Malta, Cipro, Portogallo o Montenegro

Nessun commento ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi