Stati Uniti, le White Sands del New Mexico non sono da prendere sottogamba

Wgite Sands 0

 

 

Nessun posto è un buon posto per morire, neppure il più bello del mondo. Ma dev'essere terribile morire disidratati in un deserto durante una vacanza. Troppo forte il contrasto tra la gioia e la tragedia. Insopportabile come l'escursione termica che ha ucciso due coniugi francesi nel White Sands National Monument, parco naturale del New Mexico, a circa 300 chilometri a sud di Albuquerque.

È la sorte tremenda toccata a Ornella Steiner, 51 anni e al marito David, 42, ritrovati cadaveri dal vice sceriffo di Ortero. Unico sopravvissuto, il figlio Enzo di 9 anni, prostrato, pieno di scottature e in avanzato stato di disidratazione, ma vivo.

Martedì scorso il vice sceriffo in servizio di pattuglia vede un veicolo parcheggiato all'inizio del l'Alkali Flat Trail, «sentiero alcalino piano», 25 chilometri a ovest della città di Alamogordo. S'inoltre nella pista e a qualche centinaio di metri scorge il corpo di una donna. Convinto che non fosse sola, esamina la sua macchina fotografica. Contiene le immagini digitali di un uomo e di un bambino. Continua la ricerca e ritrova il bambino accanto al corpo inanimato del padre.

Il padre di David non sa spiegarsi come sia potuto accadere. «Mio figlio era abituato a viaggiare. Preparava questo tour da un anno e mezzo. Aveva studiato i diversi punti di partenza. Per una settimana tutto è andato bene, mi telefonava tutti i giorni. Fino a quando non ha deciso di partire a piedi». Errore fatale.

Il sentiero dove si è consumata la tragedia viene presentato come un anello di cinque miglia in apparenza privo di difficoltà. Che cosa vuoi che siano otto chilometri. Poca roba anche in un deserto, se il meteo è clemente. Ma è difficile cavarsela quando il sole picchia duro facendo registrare 40 gradi all'ombra. «Penso che non fossero preparati a questo calore», ha commentato lo sceriffo Benny House.

A un centinaio di chilometri da El Paso, ultima oasi texana prima della frontiera con il Messico, il parco nazionale White Sands Monument è celebre per le sue distese di sabbia bianca. Posto alla stessa latitudine del Sahara, è una calamita per gli appassionati di trekking e i camminatori estremi. Non è la prima volta che le sue accecanti dune riservano un destino funesto a chi le prende sottogamba. Un uomo d'affari giapponese di 29 anni nel 2011 e un'americana dello Iowa nel 2002 sono morti sullo stesso sentiero che è costato la vita alla coppia francese.

Nessun commento ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi